Umeboshi

Umeboshi

PIANTA UMEBOSHICosa sono le UMEBOSHI?

 

Le Umeboshi sono prugne giapponesi – chiamate anche “prugne dei miracoli” famose in tutto il mondo per la loro tradizione e le loro proprietà medicamentose (secondo la farmacologia naturale giapponese) – sono in realtà una varietà di albicocche raccolte ancora acerbe all’inizio dell’estate e fatte essiccare al sole e poi sotto sale in barili di legno, avvolte dalle foglie viola di Shiso, dove riposeranno e invecchieranno da un minimo di 6 mesi a 15 anni!

 

Sono chiamate “Prugne dei Miracoli” grazie alle loro secolari e straordinarie proprietà benefiche. In Giappone ed in Cina vengono utilizzate tradizionalmente per le proprietà ANTIPIRETICHE in caso di raffreddori, febbre e problemi intestinali.

ESSICAZIONE UMEBOSHI

Fra tutti i frutti esistenti, l’ Ume è uno dei più ricchi di elementi nutrizionali: contiene Proteine, Calcio, Fosforo, Ferro e alcuni importanti acidi organici come l’ Acido Pectico, l’Acido Citrico, Malico, Succinico e Tartarico.

 

Aiutano la DISINTOSSICAZIONE del FEGATO e dei RENI grazie all’alta concentrazione di sostanze come il Calcio, il Ferro, il Fosforo. Risolvono la COSTIPAZIONE grazie all’acido pectico e allo stesso tempo coadiuvano la DISSENTERIA.

umeboshi 3

Aiutano anche contro la STANCHEZZA e DEBOLEZZA e la combinazione di Acido Citrico e Sale vengono utilizzate come rimedio naturale per problemi digestivi come NAUSEA, ACIDITA’ DI STOMACO e INDIGESTIONE.

 

Migliora la RESISTENZA FISICA (il famoso calciatore Nagatomo ha dichiarato che il segreto della sua resistenza è dovuto alla sua dieta ricca di Umeboshi) grazie all’acido citrico

In effetti, secondo l’antica medicina cinese, è proprio grazie al continuo percorso tra Yin e Yang e, nel caso specifico di questa prugna miracolosa tra l’acidità dell’acido citrico e l’alcalinità del sale a far di questo alimento una

Le Umeboshi praticamente non deperiscono mai e si conservano per decenni: esistono prugne Umeboshi invecchiate oltre un secolo la cui polpa è cosi trasparente che si può vedere il nocciolo attraverso…quello che invece si vede benissimo è il prezzo, che fanno di queste prugne così rare un cibo per pochi eletti.

 

Le Umeboshi devono invecchiare almeno 3 anni per risultare nel pieno della loro efficacia “terapeutica”, anche se il top, commercialmente parlando, è di 7-10 anni di invecchiamento, sempre considerando la corretta stagionatura, la naturalezza del sale e la qualità dell’ Ume.

 

 

 

 


No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.