Latte di Soia

Latte di Soia

LATTE di SOIAIl Latte di Soia (che per la legislazione europea deve essere denominato “Bevanda di Soia”) ha origini antichissime: pare che sia stato scoperto e ottenuto per la prima volta in Cina nel 164 A.C.  dall’imperatore Liu An, nipote del fondatore della dinastia Han e poi diffuso in tutto il Giappone.

Oggi il latte di soia rappresenta una valida alternativa al latte vaccino, anche se è necessaria una premessa importante: se, da una parte e da un punto di vista organolettico (il gusto!)  questo latte ha poco a che vedere con quello animale, dal punto di vista nutrizionale, etico, salutistico è decisamente superiore, al di là di ogni scelta individuale.

Oltre ad essere privo di colesterolo, presente invece nel latte vaccino ((circa 10 Mg su 100 Gr per il latte intero, 7 Mg per quello parzialmente scremato e 2 per quello scremato, per la tabella completa vedi qui), il latte di soia presenta una frazione lipidica molto ricca di grassi insaturi (quasi assenti nel latte vaccino) e ha piu o meno lo stesso valore in proteine anche se non con lo stesso valore biologico, in quanto il latte di soia ha alcuni amminoacidi limitanti come la Metionina e i Solforati.

L’assenza di Caseina rende il latte di soia molto piu digeribile

Da un punto di vista ambientale e agronomico, la Soia è davvero eccezionale: con un’unità di terreno adibito a questa coltivazione si può produrre in un fattore tempo di un anno una quantità di latte di soia dieci volte superiore a quella che si otterrebbe foraggiando le mucche con l’erba ottenuta dallo stesso terreno per la produzione di latte vaccino; di contro però, se parliamo di soia NON biologica, c’è da considerare che questa produzione richiede l’uso di pesticidi diserbanti e acaricidi non necessari alla coltivazione dei terreni da pascolo.

Inoltre, questa leguminosa riesce a sintetizzare autonomamente la quantità di azoto necessaria al suo metabolismo, pertanto non necessita di concimi azotati. Per questo motivo, la Soia viene utilizzata sin dall’antichità come fertilizzante naturale dei terreni, con la tecnica della rotazione.

In questo senso la Soia Biologica è l’unica che può esser presa in considerazione, a parer nostro, come prodotto alimentare per l’uso umano; in questa sezione, potrete trovare

 Ecco a voi la ricetta base

Ingredienti:

  1. 100 Gr di Soia gialla, BIO!!! (con l’ammollo diventano 250 gr)
  2.     1  Lt di Acqua
  3.    16 Gr di Zucchero di Canna integrale

Utensili necessari:

  1. Alcune ciotole
  2. Uno scolapasta
  3. Uno strofinaccio pulito in cotone
  4. Una bottiglia in vetro per conservare il latte
  5. Mestolo in legno
  6. Un mixer (capienza almeno 1 Lt)
  7. Casseruola capiente con coperchio

Preparazione:

La sera prima, ammollate i semi di soia (almeno 10-12 ore), in modo che si gonfino e si riempino di acqua, successivamente scolateli con abbondante acqua fredda, in modo da eliminare le impurità.

Frullate la soia ammollata con 800 Gr Ml di acqua fredda.

Prendete il liquido ottenuto e versatelo nella casseruola e usate l’acqua rimasta (200 ml) per pulire il frullatore e versare anch’essa nella casseruola, dopo di che portare ad ebollizione il tutto per circa 20 minuti in modo da ottenere una poltiglia in parte liquida e in parte densa.

E’ molto importante che, durante l’ebollizione, non venga chiuso il coperchio per evitare che la schiuma esca…lasciate il coperchio a metà e regolate l’intensità del fuoco da “sostenuto” a “dolce”, ma costante.

Una volta trascorso il tempo, lasciare intiepidire (visto che poi dovrete prendere contatto con questo liquido con le mani).

Prendere nel frattempo uno scolapasta e posizionarlo all’interno di una ciotola capiente e copritelo con un canovaccio in cotone.

Versate il contenuto nello scolapasta in modo che il latte di soia filtri e si depositi nella ciotola…per aiutarvi strizzate il canovaccio con le mani.

Quello che rimane intrappolato nel canovaccio è una purea preziosa che si chiama OKARA, utilizzabile in molti modi, sia per fare un ottimo parmigiano vegan oppure per altre ricette preziose, vedi qui.

Il latte di soia è pronto e può consumarsi tal quale oppure addizionarvi o Zucchero di canna integrale (in misura del 2,5% della quantità di latte ottenuta, ad esempio su 1 litro di latte circa 20 gr di zucchero) oppure un bacello di vaniglia.

 

 

 

 

 

 

 



No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.